Il Regolamento Status e trasferimenti dei calciatori: la Bibbia del calciomercato.

Che cos’è?

Come abbiamo già visto il calciomercato non è solo un flusso continuo di emozioni. Ne pagine di giornali e nemmeno trasmissioni televisive. Il calciomercato è fatto di regole, che possano o no piacere.

Quando parliamo di trasferimenti internazionali, siamo obbligati a far riferimento al Regolamento Status e Trasferimenti dei calciatori, modificato nel 2018.

L’insieme di questi articoli fa riferimento alle regole dei tesseramenti e dei trasferimenti internazionali. Prima dell’arrivo di un calciatore nella squadra, magari, del nostro cuore le società ed il procuratore del calciatore devono adempiere ad una serie di obblighi presenti all’interno di questo regolamento.

Cosa prevede?

Il RSTP prevede una serie di norme. Come e quando si può tesserare un calciatore. La funzione del transfert, l utilizzo del TMS, il principio del rispetto dei contratti, il tesseramento dei minori, il meccanismo di solidarietà e l’indennità di formazione ed infine gli organi di giustizia della FIFA (DRC e PSC). Analizzeremo in seguito ognuno di questi importanti aspetti.

Novità

E’ importante ricordare che il RSTP si applica solamente ai trasferimenti e i tesseramenti a livello internazionale. Il RSTP obbliga alle Federazioni di ogni nazionale ad  inserire o prevedere gran parte dei suoi articoli all’interno dei Regolamenti, che disciplinano il tesseramento e il trasferimento dei calciatori.

Il RSTP ha visto una serie di modifiche: le novità degli ultimi anni hanno riguardato principalmente il TMS (Transfer Matching System) sistema di trasparenza e di trasmissione di informazioni utili all’attività di controllo della FIFA.

Altre novità hanno riguardato le modalità di proposizione dei ricorsi in merito al meccanismo di solidarietà e L’indennità di formazione.

Infatti il claim dovrà essere inviato tramite TMS. Nel caso in cui la società, che dovesse proporre ricorso, non avesse accesso a tale sistema potrà richiedere alla Federazione di appartenenza l’invio del claim.

Altra modifica, degna di nota, è la possibilità per i ricorsi depositati presso il Player Status Committee e la Dispute Resolution Chamber si potrà utilizzare la mail e non più il Fax.

Utilizzo della mail già presente nel nostro ordinamento (Codice di Giustizia FIGC) a livello nazionale ma non regionale, dove si predilige il FAX e la Raccomanda A/R.

Regulations Status and Transfer Players 2018 (Versione in pdf).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *